Le tradizioni culinarie lucerine a Natale - Lucera: memoria e cultura
Antropologia & Arte,  Memoria

Le tradizioni culinarie lucerine a Natale

Nelle case di Lucera, durante i preparativi per la cena della vigilia e il pranzo di Natale, fino a poco tempo fa, esplodeva una frenetica attività culinaria che affondava le sue radici nella tradizione gastronomica locale.

La Vigilia di Natale

Per rispetto e sentita devozione, era giorno di digiuno e di astinenza dal mangiare carne; obblighi e divieti che duravano fino alle ore 18,00, quando terminava la giornata lavorativa.

In attesa della cena, quasi come antipasto, si gustavano i pizzefritte (le frittelle di pasta fritte nell’olio), vuote e riempite di ricotta o pomodoro.

La sera della vigilia, che per i nostri padri era considerata festa, forse più di Natale, tutta la famiglia si riuniva per la cena, ricca di particolari portate.

Per chi se lo poteva permettere, sulla tavola non mancavano: lenguíne ssciuulènde ssciuulènde c’a ‘nguille o c’u capetóne (linguine scivolanti nel sugo di anguille o capitoni), lenguíne c’u baccalà (linguine al sugo di baccalà), nguille arrestúte o fritte(anguilla arrostita o fritta), baccalà a pastèlle (baccalà fritto con un impasto di farina e uova), baccalà lèsse (baccalà lesso condito con olio, aglio e prezzemolo), sarache (aringa secca e salata), vrucchele níreve stufate (contorno di cavoli conditi con olio d’oliva), vrucchele de rape (contorno di broccoli di rape conditi con olio d’oliva), rape rossce s’ott’acíte (rape rosse sotto aceto), pepavele s’ott’acíte (peperoni carnosi sotto aceto), vulíve néreve (olive nere), a nzalate d’arance (insalata di arance). Infine, non mancava mai, a nzalate de renforze (cavoli bianchi, baccalà sfilacciato, olive nere, peperoni e rape rosse). La cena si completava con dolci, frutta secca e di stagione.

Natale

Il pranzo, necessariamente più leggero, aveva come menù: mambrìcule o tagliuline cútte nd’o bbrode de gallucce o vícce (semola battuta o tagliolini, fatti in casa, e cotti nel brodo di cappone o tacchino), resckarole a bbrode fatte ch’i pallucce (scarola lessa e insaporita nel brodo fatto con polpettine di carne macinata), tijèlle de patane o fúrne che l’agnílle (tegame di patate al forno con l’agnello). Poi insalate varie, dolci e frutta.

A fine pranzo c’era il rito della “letterina di Natale”, che la mamma metteva sotto il piatto del papà, il quale si mostrava sempre stupito della circostanza. Una letterina che i bambini scrivevano a scuola, piena di promesse di buon comportamento per l’anno successivo. Dopo la lettura della stessa e la recita della poesia, cui seguivano immancabili apprezzamenti, i piccoli scrittori ricevevano ’a mbèrte (la regalia), cioè qualche soldino dai genitori, dai nonni e dagli altri parenti.

Santo Stefano

Il 26 dicembre, giorno ancora di festa, poiché le libagioni dei giorni precedenti erano state abbondanti, il pranzo prevedeva pietanze leggere, a base di brodo e di pesce. Poiché era arricchito dagli avanzi dei giorni precedenti, diventava, anch’esso, abbondante e ricco.

Lino Montanaro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.