Antropologia & Arte,  Memoria

Il dialetto lucerino tra dichiarazioni di fede ed invocazioni di aiuto

A Lucera esclamare “IJÀ! FÓSSE A SANDA MARÍJE!” (Lo volesse la nostra patrona Santa Maria) è come esprimere il fervido desiderio, dando ancora più vigore, che si realizzi quanto si spera, rivolgendosi al simbolo che, più di ogni altro, ha sempre rappresentato la lucerinità.

I lucerini hanno un antico rapporto con Santa Maria Patrona, confidenziale e immediato, tra il sacro e il profano e questa l’espressione ne è l’evidente manifestazione, perché non c’è lucerino che non abbia pronunciato questa frase decine di volte nel corso della sua vita.

Costantemente presente nelle preghiere e suppliche dei lucerini, Santa Maria è qualcosa di più di una figura religiosa, è sempre  stata sentita sempre vicina come una madre premurosa cui ricorrere per trovare conforto, speranza, protezione in tutti i casi in cui il lucerino si sente impotente e perduto.

Questo avviene anche nelle situazioni con risvolti folcloristici, come raccontato con questo piccolo aneddoto.

Una domenica mattina, giunse a Lucera l’onorevole Amintore Fanfani, segretario della Democrazia Cristiana, per tenere un comizio in occasione delle elezioni amministrative del 15 e 16 giugno 1975. Piazza Duomo, stracolma di cittadini, si presentava come nelle grandi occasioni politiche.

Fanfani, conosciuto come grande oratore, prese la parola dopo l’introduzione del segretario cittadino della DC e del sindaco. Il suo intervento fu animato da un sacro furore anticomunista,  giungendo perfino ad affermare, rivolgendosi agli artigiani, ai barbieri, ai baristi, che sarebbero diventati dipendenti dello Stato in caso di vittoria dei comunisti.

Dopo tale affermazione, nel silenzio della piazza e in maniera chiara e forte, si sentì l’esclamazione del proprietario e gestore di un bar della piazza stessa: «Ijà?! Fósse a Sánda Maríje!», che provocò un brusio e sonore ed estese risate.

Ciò perché il lavoro nel settore pubblico erano particolarmente ambito rispetto al lavoro autonomo, sia per la sicurezza dello stipendio sia per le migliori condizioni di lavoro.

Lino Montanaro

Per saperne di più

  • Lino Zicca, Aneddoti di fatti perduti – Quando la politica era passione e anche… divertimento, Catapano Grafiche, 2015
  • Lino Zicca, Lino Montanaro, Lucera di una volta, Catapano Grafiche, 2021


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.